Bonus prima casa: che rischio se vendo subito?

Pubblicato il: 14-11-2017 | Categoria : Attualità e Società, feed | 6 views | FONTE ORIGINALE

0

Che rischio in termini di sanzioni se vendo dopo due anni la prima casa acquistata con il bonus? Al fine di rispondere al quesito sottoposto, dev’essere preliminarmente chiarito in che cosa consiste il cosiddetto “bonus prima casa”. Sinteticamente, i vantaggi del bonus “prima casa” di cui oggi si può usufruire sono i seguenti: riduzione Iva dal 22% al 4%, in caso di acquisto da costruttore ed entro i 5 anni dall’ultimazione dei lavori; imposta ipotecaria e catastale in misura fissa pari a 200 euro, in caso di acquisto da costruttore ed entro i 5 anni dall’ultimazione dei lavori e in caso di successioni o donazioni; imposta di registro al 2%, in caso di acquisti da privati. Inoltre in questo caso è possibile pagare l’imposta sul valore catastale dell’immobile piuttosto che sul prezzo di compravendita; imposta catastale e ipotecaria, in caso di acquisti da privati ammontano in questo caso a 50 euro; credito d’imposta, in caso di vendita e riacquisto della prima casa entro 12 mesi, si ottiene un credito di imposta pari al quanto versato in relazione al primo acquisto agevolato. Nel caso di trasferimento, per vendita o donazione, degli immobili acquistati con i benefici prima casa prima del decorso del termine di 5 anni dalla data del ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment