Bimbo cade al parco giochi: chi paga i danni?

Pubblicato il: 14-09-2021 | Categoria : Attualità e Società, feed | 19 views | FONTE ORIGINALE

0

Le regole per il risarcimento degli infortuni nei parchi giochi: quando risponde il proprietario o il gestore e quando, invece, sono responsabili i genitori. È molto facile che i bambini si facciano male mentre giocano. Gli infortuni più frequenti avvengono mediante cadute da attrezzature sospese, come scivoli, giostre e altalene. Se il bimbo cade al parco giochi, chi paga i danni? Verrebbe naturale pensare che sorge una responsabilità automatica del parco giochi e, dunque, del suo titolare. Questi può essere, a seconda dei casi, un Ente pubblico, come il Comune, o un soggetto privato, come il concessionario dell’area o il gestore della struttura. In realtà, non è sempre così: per la giurisprudenza italiana, i primi soggetti tenuti a vigilare sul minore, anche mentre sta giocando in un parco attrezzato, sono i genitori, o i nonni e gli altri parenti che lo accompagnano. Ma vediamo nel dettaglio chi paga i danni se il bimbo cade al parco giochi e riporta un infortunio con lesioni personali. Caduta nel parco giochi: la responsabilità del proprietario Il proprietario di un’area attrezzata a parco giochi, come un giardino comunale o una struttura privata (come quelle che si trovano in molti alberghi, villaggi vacanze e ristoranti), risponde per legge [1] ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment