Associazioni sportive e tasse: il regime fiscale

Pubblicato il: 14-05-2018 | Categoria : Attualità e Società, feed, Sport | 8 views | FONTE ORIGINALE

0

Agevolazioni per società dilettantistiche, che facciano parte o meno del Terzo settore. I benefici del sistema forfettario, la tracciabilità ed il bonus sport. Promuovere lo sport, specialmente tra i più giovani, è, senza dubbio, un’attività che fa onore non solo a chi si prende quest’onere ma anche ad un intero Paese. Non si tratta di sfornare a tutti i costi dei nuovi campioni che facciano sentire l’inno nazionale quando arrivano sul gradino più ampio del podio di un’Olimpiade o di un campionato mondiale, ma soprattutto di creare nei ragazzi la mentalità del confronto con gli altri e della sana competizione, l’umiltà del saper perdere e la grinta del sapersi rialzare, di non arrendersi alle difficoltà, di lavorare per una vittoria nel rispetto delle regole, dei compagni e degli avversari, sia che pratichino uno sport di squadra sia che lo facciano a livello individuale. Fare tutto ciò, però, significa sostenere dei costi. A tutti gli effetti, le associazioni sportive devono pagare le tasse ma possono usufruire di un regime fiscale che consente diverse agevolazioni, che siano o meno iscritte al Registro Unico Nazionale degli Enti del Terzo settore. Insomma, anche per fare quello che si potrebbe denominare un servizio alla collettività (questo ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment