Accertamento fiscale: come fare ricorso alla Commissione Tributaria

Pubblicato il: 11-07-2018 | Categoria : Attualità e Società, feed | 17 views | FONTE ORIGINALE

0

Impugnazione dell’avviso di accertamento e ricorso al giudice con o senza reclamo-mediazione: qual è la procedura presso la Commissione Tributaria Provinciale. Hai ricevuto un avviso di accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate: ti avverte che, a seguito di controlli, sono stati rilevati dei redditi da te non dichiarati; pertanto ti condanna a pagare, oltre all’imposta evasa, anche le sanzioni e gli interessi. Si tratta di cifre di cui non disponi e che, peraltro, a tuo avviso, sono illegittime. Pertanto decidi di fare opposizione e di rivolgerti al giudice affinché annulli l’atto. Il punto è che non sai quale sia la procedura e quali regole devi rispettare per avviare l’iter. Insomma, come fare ricorso alla Commissione Tributaria contro un accertamento fiscale? Qui di seguito proveremo a fornirti qualche rapido e schematico chiarimento, in modo da aver presente quali sono i passaggi e i tempi tecnici previsti dalla legge. A chi presentare il ricorso contro l’accertamento fiscale? La prima cosa di cui devi tenere conto prima di fare ricorso contro un accertamento fiscale è stabilire qual è il giudice competente. Poiché parliamo di contenzioso tributario, non puoi rivolgerti al tribunale ma devi andare in Commissione Tributaria Provinciale la quale decide in primo grado. Se la ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment