Termini entro cui contestare una donazione

Pubblicato il: 26-06-2022 | In : Attualità e Società, feed

0

Quanto tempo per impugnare una donazione: i casi di vizio di forma, incapacità, lesione della legittima, ingratitudine, sopravvenienza di figli, vizi della volontà, simulazione, azione revocatoria.  Contrariamente a quanto spesso si crede, non è vero che per impugnare una donazione ci sono 5 anni di tempo. O meglio, non è sempre corretto. Tutto dipende dal tipo di contestazione sollevata. In alcuni casi i termini sono più brevi, in altri più lunghi o addirittura inesistenti. In questo articolo ci occuperemo dunque dei termini entro cui contestare una donazione in modo da sapere entro quanto tempo agire per far annullare tale atto. Ma procediamo con ordine. Termini entro cui contestare una donazione per vizio di forma Le donazioni di beni immobili e di «non modico valore» (da rapportarsi alle condizioni economiche delle parti) necessitano del notaio e di due testimoni. La donazione che non rispetta questa forma può essere annullata in qualsiasi momento, senza cioè termini ......

 

Qual è la durata del Governo?

Pubblicato il: 26-06-2022 | In : Attualità e Società, feed

0

Dopo quanto tempo decade il Governo e quanto tempo resta in carica il Presidente del Consiglio dei Ministri? La crisi di Governo: quando scatta e come funziona.  Non tutti sanno qual è la durata del Governo, ossia quanto dura in carica l’esecutivo. E non c’è da stupirsi: nessuna norma della Costituzione lo dice chiaramente così come invece avviene, ad esempio, per il Parlamento (la Costituzione infatti fissa la durata della legislatura in cinque anni).  Detto ciò è bene sapere dunque quando decade il Governo o quando può essere sciolto dal Presidente della Repubblica. Di tanto parleremo meglio qui di seguito. Chi nomina il Governo? Spesso si sente dire che il Governo non è stato votato dal popolo. Ma non spetta al popolo scegliere il governo. La formazione dell’esecutivo spetta al Presidente della Repubblica il quale nomina il Presidente del Consiglio dei Ministri e, su proposta di questi, i singoli Ministri.  La Costituzione non dice nulla ......

 

Quando vanno in prescrizione i debiti con l’Agenzia delle Entrate?

Pubblicato il: 26-06-2022 | In : Attualità e Società, feed

0

Imposte e tasse: tutti i termini di prescrizione. Come far dichiarare la prescrizione e come annullare la cartella esattoriale.  Tutti i debiti hanno una data di scadenza. Anche quelli con il fisco. La scadenza – che, in gergo tecnico si chiama «prescrizione» – non è uguale per tutte le tasse e le imposte ma varia in base ad esse. Peraltro, come avremo modo di vedere qui di seguito, le regole sulla prescrizione dei tributi valgono anche per le relative cartelle esattoriali emesse in caso di omesso pagamento. Con questa premessa, possiamo quindi verificare quando vanno in prescrizione i debiti con l’Agenzia delle Entrate, l’ente cioè deputato all’accertamento e al recupero delle somme che tutti i contribuenti devono all’Erario, ossia allo Stato. Non vi rientrano quindi i debiti dovuti agli enti locali (Province, Comuni, Regioni) come l’Imu e la Tari per i quali la prescrizione è sempre di 5 anni. Ma procediamo con ordine. Quali ......

 

Corteggiamento accanito: cosa si rischia

Pubblicato il: 26-06-2022 | In : Attualità e Società, feed

0

Corteggiare insistentemente una persona può integrare un reato se fatto in modo insistente e oppressivo.  Chi si rapporta con una donna deve saperci fare. In tutti i sensi. Un corteggiamento esitante può essere frainteso come scarso interesse o indice di una personalità indecisa. Uno troppo gentile e galante può risultare retrò. Ma quando si eccede si commette sicuramente reato. Non poche volte infatti il nome dei corteggiatori insistenti è finito sulla scrivania della Procura della Repubblica dentro un fascicolo per stalking, molestie o, nella peggiore delle ipotesi, violenza sessuale.  Ecco allora cosa si rischia in caso di corteggiamento accanito. I reati che può commettere l’ammiratore sono tutt’altro che lievi. Fingersi single Chi si finge single quando invece è sposato commette il reato di sostituzione di persona. Dire, in chat, che non si hanno impegni sentimentali ed altre relazioni è vietato dalla legge. La pena è la reclusione fino a un anno. Attenzione perché l’illecito ......

 

Seduzione con promessa di matrimonio: reato

Pubblicato il: 26-06-2022 | In : Attualità e Società, feed

0

Fingersi innamorati è reato? Quando scatta l’adescamento di minorenne, la sostituzione di persona e la truffa amorosa.  Non tutti sanno che la seduzione con promessa di matrimonio è stata a lungo tempo un reato. Il comportamento oggi rientra in altre fattispecie penali, sicché resta ugualmente punibile a determinate condizioni.  Per comprendere quindi quando la seduzione con promessa di matrimonio è reato bisogna leggere l’abrogato articolo 526 del codice penale. Il comportamento che tale norma vietava era quello di colui che, con promessa di matrimonio, seduceva una donna minore di età, inducendola in errore sul proprio stato di persona coniugata». Per seduzione si intendeva la congiunzione carnale. Evidentemente questa incriminazione, mirava a proteggere le donne minorenni dagli attentati alla loro libertà sessuale commessi in forma insidiosa assai frequente, e cioè carpendo il consenso alla congiunzione carnale mediante promessa di matrimonio.  Il nostro legislatore, però, non ha creduto di colpire con la sanzione penale ogni azione ......

 

Quando scatta la mora per il bollo auto?

Pubblicato il: 26-06-2022 | In : Attualità e Società, feed

0

Quanto tempo per pagare il bollo auto dopo la scadenza? Chi non paga il bollo auto commette un’evasione fiscale: un’evasione che, per l’esiguità dell’importo, implica solo sanzioni amministrative di carattere pecuniario. In buona sostanza, chi non paga il bollo potrà continuare a circolare con l’auto ma sarà soggetto alla cosiddetta “mora”, ossia a una maggiorazione sull’importo da versare. Tale maggiorazione cresce all’aumentare del ritardo. È quindi fondamentale capire quando scatta la mora per il bollo auto proprio per sapere a partire da quando viene calcolata. Di tanto ci occuperemo meglio qui di seguito. Quanto tempo per pagare il bollo auto? Il bollo auto va pagato, in un’unica soluzione, una volta all’anno. Il mese di scadenza è quello in cui l’auto è stata immatricolata (anche quando questa sia stata acquistata usata, ossia di seconda mano). Chi ha dimenticato tale data, può recuperarla tramite un meccanismo online. A indicarti quando scade il tuo bollo auto ......

 

La prescrizione delle multe è stata sospesa causa Covid?

Pubblicato il: 26-06-2022 | In : Attualità e Società, feed

0

Ho ricevuto una cartella relativa a due multe per violazioni stradali di oltre cinque anni fa. Sono prescritte? E cosa posso fare se una delle due multe mi fu notificata alla vecchia residenza? L’articolo 68, comma 4 bis, del decreto legge n. 18 del 2020 (norma emanata per fronteggiare l’emergenza pandemica) ha stabilito che per i carichi tributari e non tributari (compresi quindi i carichi per sanzioni amministrative da violazioni del Codice della Strada) affidati all’agente della riscossione tra l’8/03/2020 ed il 31/12/2021 i termini di prescrizione sono prorogati di 24 mesi. Questo significa che nel suo caso, siccome i due carichi relativi alle due “multe” sono stati affidati all’agente della riscossione (ex Equitalia) entrambi nel corso del 2021, risulta anche a lei applicabile la proroga di 24 mesi della prescrizione che è stata prevista, come ho evidenziato poc’anzi, dall’articolo 68, comma 4 bis, del decreto legge n. 18 del 2020. Pertanto, considerato ......

 

Vale l’accordo prima di sposarsi per non lasciare la casa all’ex?

Pubblicato il: 26-06-2022 | In : Attualità e Società, feed

0

Validità degli accordi prematrimoniali rivolti a salvare la casa comprata prima o durante il matrimonio. Il giudice deve rispettare i patti tra i coniugi o i conviventi? Un nostro lettore ci chiede se può avere valore legale un accordo prematrimoniale dove si dichiara che, in caso di divorzio con figli, la casa rimane al marito o se, invece, questa spetti sempre e comunque alla madre.  La questione merita di essere approfondita. Vediamo dunque se ha valore l’accordo prima di sposarsi per non lasciare la casa all’ex. Valgono gli accordi prematrimoniali? Partiamo subito dalla premessa che, nel nostro ordinamento, gli accordi prematrimoniali non hanno alcun valore. Sono quindi nulli. Ciò perché, secondo il nostro ordinamento, il matrimonio non è un contratto, sicché non è ammesso qualsiasi patto volto a regolarne gli effetti in modo diverso da come previsti dalla legge.  La stessa disciplina vale anche se l’accordo viene stipulato durante il matrimonio ma prima di separarsi. È ......

 

Quando i debiti passano agli eredi?

Pubblicato il: 26-06-2022 | In : Attualità e Società, feed

0

Successione ereditaria: quando la responsabilità per i debiti lasciati dal defunto passa agli eredi e che rischi corrono con l’accettazione dell’eredità? Tutti sanno che, con la morte di una persona, i suoi debiti passano agli eredi. Ma non è a tutti noto l’esatto momento in cui ciò si verifica, quando cioè si compie questa sorta di “passaggio di consegne”. Si tratta invece di una questione di estrema importanza perché è proprio stabilendo quando i debiti passano agli eredi che si definisce lo spartiacque della responsabilità, ossia il momento a partire dal quale i creditori del defunto possono avviare azioni giudiziarie e pignoramenti nei confronti dei familiari di quest’ultimo.  Dobbiamo per forza approfondire l’argomento per spiegare meglio come stanno le cose, anche al fine di comprendere come difendersi da richieste di pagamenti non dovuti. Ma procediamo con ordine. Quando i familiari diventano eredi? La qualità di erede non si acquisisce per il semplice fatto di ......

 

Assenze scolastiche per malattia: cosa rischio?

Pubblicato il: 25-06-2022 | In : Attualità e Società, feed

0

Mia figlia, che è stata malata ed ha certificati medici che lo confermano, può non essere ammessa agli esami? Le manca il terzo voto in tutte le materie ed ha due insufficienze che avrebbe dovuto recuperare ma essendo stata malata ancora le ultime due settimane non ha potuto recuperare. La normativa di riferimento è l’articolo 146 della legge n.352 dell’8 agosto 1995, in base alla quale gli alunni che, per assenze determinate da malattia, da trasferimento della famiglia o da altri gravi impedimenti di natura oggettiva, non hanno potuto essere valutati al termine delle lezioni, sono ammessi a sostenere, prima dell’inizio delle lezioni dell’anno scolastico successivo, prove suppletive che si concludono con il giudizio complessivo di ammissione o di non ammissione alla classe successiva. L’ammissione a prove suppletive di esame è subordinata al giudizio del consiglio di classe che si esprime sulla valutabilità degli studenti, per assenze dovute a malattia o a ......