I migliori cellulari economici | Settembre 2017

Pubblicato il: 23-09-2017 | In : feed, Informatica, Tecnologia, Telefonia

0

Rimanere aggiornati con il proprio cellulare, comprandone uno nuovo. E’ possibile, senza spendere oltre i 500 euro? Attualmente sì. E anche molto, molto di meno! Ecco i modelli che consigliamo tuttora, fra le marche più affidabili che propongono Smartphone economici. I migliori smartphone economici: Honor 8 Cominciamo a parlare d’uno Smartphone prodotto da Huawei, ma sotto un altro brand. L’Honor 8 è uno Smartphone che possiamo trovare ad un costo che si aggira sui 300 euro, a seconda di dove andiamo a guardare. Questo cellulare può vantare di ricche prestazioni (Kirin 950 Octa, 4Gb di RAM, 32/64Gb di memoria interna, 3000mAh di batteria e un Display da 5.2 pollici in Full HD) un’ottima estetica e qualche accessorio inusuale (come un sensore IRDA) e anche una doppia fotocamera. All’interno ha installato Android Nougat. Insomma, l’Honor 8 presenta caratteristiche di prodotti che stanno almeno 500 euro, ma ne costa molto meno. I migliori cellulari economici: Moto G5 Plus 300 ......

 

Il marito denunciato non è sempre perdonabile

Pubblicato il: 23-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Litigi in famiglia e condotte penalmente rilevanti: quando è possibile ritirare la querela e quando invece non è consentito dalla legge.  I litigi durante il matrimonio o la convivenza sono spesso violenti e per nulla controllati. Spesso la tensione e lo stress accumulato per un rapporto ormai logoro se non già oggetto di separazione, conducono gli ex amanti a commettere dei fatti penalmente rilevanti. Minacce, percosse e quant’altro sono perseguiti dalla legge, se la vittima denuncia il loro accadimento. Tecnicamente si parla di querela che, una volta presentata apre le indagini ed il conseguente procedimento penale a carico del responsabile. Ebbene, come meglio specificato nell’articolo se la moglie ritira la denuncia non è reato, la querela può essere anche ritirata. Tale rimessione (è questo il termine tecnico che si usa) può avvenire in qualsiasi momento, anche davanti al giudice, evitando, pertanto, che il responsabile venga condannato per i fatti commessi. Tuttavia, ci ......

 

Richiesta eccessiva per alimenti ai figli, come fare?

Pubblicato il: 23-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Gli alimenti sono un diritto per i figli; vi sono però dei limiti alla loro misura. Vediamo quali. La legge italiana fa obbligo di versare gli alimenti ai propri figli, siano essi nati in costanza di matrimonio o meno, fino a che non siano economicamente indipendenti. L’importo degli stessi, tuttavia, va attentamente stabilito in base alle condizioni economiche dell’obbligato. Approfondiamo l’argomento. Diritto agli alimenti e al mantenimento: la differenza Il codice civile attribuisce funzioni differenti ai due istituti. Il diritto agli alimenti consente al soggetto che versa in stato di bisogno di vivere dignitosamente; in parole povere, gli alimenti servono a soddisfare le esigenze primarie di chi non riesce a provvedere a sé autonomamente [1]. Il mantenimento, invece, ha una portata molto più ampia in quanto consente, a chi ne ha diritto, di conservare il tenore di vita mantenuto precedentemente [2]. Normalmente, sia il mantenimento che gli alimenti vengono corrisposti sotto forma di ......

 

Arrivano le pagelle fiscali per avvocati e negozi

Pubblicato il: 23-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Addio graduale agli studi di settore: arrivano 70 nuovi indici di affidabilità. Chi è in regola non subirà accertamenti. Si chiamano Isa (Indici sintetici di affidabilità) e hanno sostituito il temuti studi di settore che “infiniti lutti addussero ai professionisti” quando si temeva che, non fatturando a sufficienza o, comunque, non come i colleghi che avevano lo studio pieno di clienti, sarebbe arrivato il fisco a battere cassa. Poiché i cosiddetti standard di categoria non funzionavano bene – e anche la stessa Cassazione aveva raccomandato all’Agenzia delle Entrate di «andarci cauta» – ecco la risposta più convincete ed efficace contro l’evasione: le pagelle fiscali. Pagelle che ora sono già pronte per circa 1,4 milioni di contribuenti: dai negozianti, ai ristoranti, agli avvocati. E come in tutte le pagelle, c’è anche la «buona condotta»: chi risulta “in regola” non subirà controlli. Ma vediamo meglio come funzionano. In verità, prima di cantare definitivamente vittoria, ......

 

I diritti degli studenti

Pubblicato il: 23-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Cosa cambia a scuola tra la minore e la maggiore età degli alunni? Ecco cosa prevede la legge, dal diritto allo studio a quello di poter firmare una giustifica. Non solo doveri a scuola ma anche diritti. Gli studenti di ogni ordine e grado devono rispettare certe regole, ci mancherebbe. Ma possono anche pretendere (o, quando si tratta di minorenni, possono farlo i loro genitori) che le regole vengano rispettate anche nei loro confronti. Negli anni sono state approvate diverse convenzioni sia a livello internazionale sia a livello nazionale a tutela degli studenti minorenni e maggiorenni. Vediamo quali sono i diritti degli studenti contemplati in questi accordi. I diritti degli studenti minorenni Partiamo da noi, cioè da quel che il nostro Ministero della Pubblica Istruzione ha decretato negli ultimi anni a proposito dei diritti degli studenti minorenni riguardo la loro formazione e frequentazione scolastica. Tenendo conto che, come spesso succede con leggi e decreti, la ......

 

Finestre e infissi: chi paga se la casa è in affitto?

Pubblicato il: 23-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

La spesa per la riparazione di finestre e infissi di una casa in affitto è a carico del proprietario o dell’inquilino a seconda dei casi. Vediamo quelli più frequenti I rapporti tra inquilino e proprietario sono idilliaci finché il primo paga regolarmente l’affitto e il secondo partecipa al pagamento delle spese che gli competono. Ma il confine tra l’idillio e il turbamento è molto precario e si finisce molto spesso con il discutere e – talvolta – col litigare dinanzi ad un giudice. Tale situazione è certamente tipica in tema di ripartizione di spese tra proprietario e inquilino con riguardo alla riparazione di finestre e infissi. Chi deve provvedere alla riparazione di finestre e infissi e sostenerne la spesa se la casa è in affitto? La domanda, purtroppo, non ha una risposta unica. In primo luogo bisogna far riferimento al contratto di locazione, che è la prima regola a cui fare riferimento ......

 

Bonus per rinuncia alla pensione di anzianità, a chi spetta?

Pubblicato il: 23-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Beneficio contributivo per il dipendente che attende l’età pensionabile per uscire dal lavoro: come funziona, chi ne ha diritto. Non molti sanno che la Legge Maroni [1], la norma in materia previdenziale nota per aver istituito l’Opzione donna, ha istituito anche un bonus per la rinuncia alla pensione di anzianità. Il beneficio, in particolare, spettava, per il periodo 2004/2007, a seguito della rinuncia del lavoratore al trattamento di anzianità, sino al raggiungimento dell’età per la pensione di vecchiaia, e consisteva nell’accredito al dipendente della contribuzione dovuta all’Inps. A tutt’oggi, però, la spettanza del bonus fa ancora discutere, specialmente per quanto riguarda i lavoratori appartenenti a speciali categorie aventi diritto ad anticipare l’età della pensione di vecchiaia: sul punto è recentemente intervenuta la Corte di Cassazione [2], che ha stabilito la non spettanza del bonus agli aventi diritto alla pensione di vecchiaia anticipata, nonostante la permanenza al lavoro sino alla maturazione dei requisiti ......

 

Sabato Viareggio

Pubblicato il: 23-09-2017 | In : feed, Musica e Spettacolo, Tempo libero

0

Sabato Viareggio? Sabato Maki Maki. Il locale nella Darsena di Viareggio accende Il Sabato sera in Versilia. Dove ballare il Sabato Viareggio? Tutti al Maki Maki! Non sono passati neppure due mesi da quando ha inaugurato ma l’equivalenza “Sabato Viareggio = Maki Maki in Darsena” è ormai entrata in testa ed è sulla bocca di tutti. Uno dei migliori ristoranti della Darsena di Viareggio, l’unica discoteca con regolari permessi per il ballo. L’aperitivo di riferimento a Viareggio e una struttura incantevole con una terrazza  vista mare da togliere il fiato. Aperto da prima del tramonto a notte fonda... Il Maki Maki ha tutte le caratteristiche per accendere il tuo Sabato sera. Prezzi Maki Maki & prenotazioni. ☎ 347.477.477.2 (Luca, anche via SMS o WhatsApp) ✉ info@discotecheversilia.it Sabato d’Estate a Viareggio. Revolution @ Maki Maki. Il Sabato sera il Maki Maki Viareggio rivoluziona convenzioni e stereotipi con una serata ad alto tasso di divertimento. Un appuntamento caratterizzato da ottima musica e pubblico molto selezionato. Il ......

 

Spese alberghiere per i professionisti

Pubblicato il: 23-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Spese di vitto e alloggio sostenute dal professionista: in quali casi si possono scaricare? Le spese alberghiere e per la somministrazione di alimenti e bevande sostenute dal professionista, nella maggior parte delle ipotesi, si possono dedurre dal reddito con forti limitazioni. Dal 2017 [1], però, è possibile dedurle integralmente nel caso in cui siano sostenute in occasione della partecipazione a un corso di formazione, oppure se sono correlate all’esecuzione di un incarico professionale. Facciamo allora il punto della situazione sulla possibilità di dedurre le spese di vitto e alloggio dal reddito professionale. Come si deducono le spese per alberghi e ristoranti Le spese sostenute dal professionista per vitto e alloggio si deducono dal reddito, nella generalità dei casi, in misura pari al 75% dell’importo e, in ogni caso, per un importo complessivamente non superiore al 2% dei compensi percepiti nel periodo d’imposta. In buona sostanza, se il professionista, nell’anno, spende 1000 euro tra alberghi e ......

 

Il codice fiscale del condominio

Pubblicato il: 23-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Il Condominio pur non essendo una persona giuridica è sostituto d’imposta, quindi deve essere munito di codice fiscale. Può sembrare strano, ma ogni condominio deve essere munito di proprio codice fiscale, distinto da quello dei singoli condòmini. Il codice fiscale del condominio è necessario perché il condominio è, nel nostro sistema normativo, un sostituto di imposta e dunque ha – come si usa dire – una sua propria titolarità fiscale. Vediamo allora perché il condominio deve avere il suo codice fiscale, e come si attribuisce il codice fiscale del condominio. I motivi del codice fiscale del condominio Come dicevamo, il codice fiscale del condominio è necessario perché il condominio, pur non essendo un soggetto giuridico è comunque un ente con propria titolarità fiscale: il codice fiscale del condominio è necessario perché il condominio è un sostituto di imposta. Infatti, il condominio, tramite il proprio amministratore, deve: effettuare le ritenute d’acconto previste dalla legge in relazione alle ......