Se cado da un gradino chi mi risarcisce?

Pubblicato il: 22-01-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Il risarcimento spetta solo se la caduta dalla scala avviene per un’insidia non visibile; la presenza di corrimano e illuminazione fa presumere l’imprudenza del danneggiato. Cadere da un gradino non dà automaticamente diritto al risarcimento del danno: l’indennizzo non spetta, infatti, se lo scivolone è dovuto a imprudenza o disattenzione del danneggiato. Se invece la caduta avviene a causa della presenza di un’insidia sulla scala – ossia un ostacolo o qualsiasi altra situazione di pericolo non visibile e prevedibile con l’ordinaria diligenza – scatta la responsabilità del proprietario dell’immobile il quale sarà, di conseguenza, tenuto a risarcire i danni all’infortunato. Danni che possono estendersi non solo alle spese mediche e al mancato guadagno derivante dalla forzata inattività (danni economici), ma anche alla sofferenza fisica e all’invalidità conseguente allo scivolone (danni non economici). Per stabilire se la caduta dalle scale sia stata dovuta o meno a un’insidia bisogna valutare le circostanze concrete del ......

 

Discoteche Versilia

Pubblicato il: 22-01-2017 | In : feed, Musica e Spettacolo, Tempo libero

0

Discoteche Versilia it Scopri il sito per organizzare la tua serata in discoteca in Versilia. Discoteche Versilia punto it è la guida al divertimento che seleziona per te gli eventi più esclusivi, le migliori feste e i locali top della “Versilia by Night”. Inoltre il sito dedicato alle Discoteche in Versilia offre un servizio di info e prenotazioni, attivo 24 su 24 7 giorni su 7, che rappresenta il non plus ultra per organizzare una serata, un evento privato o festeggiare una ricorrenza. Per qualunque ragioni tu abbia scelto la Versilia e le sue discoteche, www.DiscotecheVersilia.it rappresenta la soluzione e la risposta a tutte le tue domande. Come posso contattare Discoteche Versilia it? Il sito offre sia un cellulare – sempre attivo e che puoi contattare soprattutto via WhatsApp o SMS, sia una email. 347.477.477.2 (risponde Luca, anche via SMS o WhatsApp)  info@discotecheversilia.it per informazioni e preventivi via email Che genere di assistenza offre Discoteche Versilia it? L’assistenza offerta dal sito è completa ......

 

Stroncando Nuovo Ordine Mondiale

Pubblicato il: 22-01-2017 | In : feed

0

Eh sì, siamo ancora in Italia. Prendete un culturista. Ora gonfiatelo di steroidi, tanti steroidi. Di più. Di più. Ancora di più, basta che rimanga in vita. Bene, ora riempitegli la testa con tonnellate di informazioni complottiste populiste. Ecco in sintesi cos'è Nuovo Ordine Mondiale. Si dice che storia si impari nelle scuole per non commettere gli stessi errori nel passato. Bene, potete anche toglierla visto che qualcuno si ostina a combinare le stesse porcate viste in titoloni di grande orgoglio come Alex l'Ariete o Il Bosco 1. Che cavolo, questa pellicola trasuda di amatorialità e ignoranza a livelli che... Lasciamo perdere, le immagini saranno molto più esplicative. Buona visione. ...

 

Il preliminare del preliminare di vendita immobiliare

Pubblicato il: 22-01-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

L’accordo firmato con l’agenzia immobiliare, volto a vincolare le parti alla conclusione del successivo compromesso, è valido. L’Agenzia immobiliare ha diritto a ottenere il pagamento della provvigione se il proprio cliente ha firmato il cosiddetto «preliminare del preliminare» ossia una generica lettera di accettazione della proposta di acquisto, così dichiarando di voler procedere al passo successivo, ossia alla firma del compromesso (il cosiddetto «preliminare»). Questo perché, a seguito della sentenza delle Sezioni Unite del 2015, è valido il cosiddetto preliminare del preliminare. Lo ha chiarito la Cassazione con una recente sentenza [1]. La vicenda La vicenda attiene a una controversia tra un privato e un’agenzia immobiliare. Quest’ultima aveva fatto firmare al proprio cliente una proposta di acquisto di un immobile con cui questi si impegnava a firmare, successivamente, con il venditore, il contratto preliminare vero e proprio (quello che comunemente viene chiamato compromesso). Senonché la compravendita falliva per ragioni non riguardanti l’agenzia, ......

 

Il portiere può ritirare la posta?

Pubblicato il: 22-01-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Che succede se una raccomandata o un atto giudiziario viene consegnato al portiere? È valida la notifica? Il postino o l’ufficiale giudiziario è legittimato a consegnare la posta al portiere dello stabile, anche se si tratta di un documento importante come un atto giudiziario. La notifica, in tali casi, è valida e il destinatario non potrà sostenere di non aver preso conoscenza del suo contenuto. Così, ad esempio, se si tratta di uno sfratto, l’inquilino potrà ben essere sbattuto fuori di casa nonostante l’intimazione sia stata consegnata, appunto, al portiere. È quanto chiarito dalla Cassazione con una recente sentenza [1]. La consegna della posta al portiere è valida? Il portiere può ritirare la raccomandata o gli atti giudiziari? In assenza a casa dell’effettivo destinatario dell’atto, il codice di procedura civile individua una serie di soggetti cui, al suo posto, il postino o l’ufficiale giudiziario possono consegnare la posta: i familiari conviventi (purché maggiori ......

 

Si può chiedere il risarcimento per lo stress?

Pubblicato il: 22-01-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Non sono risarcibili i disagi; il risarcimento del danno da stress va sempre motivato, provato e documentato e deve consistere nella lesione di interessi tutelati dalla costituzione. Lo stress fa ormai parte del nostro vivere quotidiano, è il modo comune ormai a molti di affrontare le giornate, a volte anche quelle di riposo; così, consapevoli di ciò, anche i giudici tendono a considerare con molta prudenza le richieste di risarcimento del danno per eccessivo affaticamento, tensione emotiva ed esaurimento. Non basta sostenere che un determinato fatto è stato fonte di stress per ottenere il risarcimento: è necessario dimostrare l’effettiva sussistenza e l’entità di tale danno. Un onere che non può risolversi in semplici dichiarazioni – generiche, astratte o ipotetiche – ma va provato in modo circostanziato. È quanto chiarito dalla Cassazione con una recente sentenza [1]. Immaginiamo di scoprire che il nostro datore di lavoro non ci ha pagato i contributi ......

 

Franchising Kasanova: Come affiliarsi, quanto Costa?

Pubblicato il: 22-01-2017 | In : Economia, feed, Lavoro

0

Franchising Kasanova: Come affiliarsi, quanto Costa? Sono veramente moltissime le aziende che propongono il proprio format a chi desidera accedere ad un Franchising, entrando in un Business maggiormente sicuro per il proprio investimento rispetto all’avvio di una attività ex novo senza un marchio già affermato e conosciuto. Tra le tante aziende, nel settore dei casalinghi, una delle più datate, con la maggiore esperienza è Kasanova. Kasanova è nata come grossista di casalinghi 48 anni fa, nel 1968 e ha maturato una lunga e significativa esperienza che l’ha portata, nel 1994 ad estendere il proprio business al Franchising. Oggi l’attività di Kasanova si articola in diversi marchi, tutti riconducibili al Marchio originale, quali: Kasanova, Kasanova+, L’Outlet del Casalingo, Go Import, La casa sull’Albero, Kikke. Come aprire un negozio Kasanova? Franchising! Chi vuole affiliarsi e aprire un locale in Franchising avrà a sua disposizione un team di esperti che curerà l’assistenza dalla scelta del locale all’apertura, applicando ......

 

Cartella di pagamento, si può consegnare a un’altra persona?

Pubblicato il: 22-01-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Per le cartelle esattoriali consegnate a soggetto diverso dal destinatario non c’è l’obbligo di inviare la Can, ossia la seconda raccomandata con cui lo si informa della notifica a persona diversa. Per le cartelle di pagamento non esiste l’obbligo della Can: questo significa, in termini pratici, che se arriva il postino per consegnarti un atto dell’Agenzia delle Entrate o dell’Agente della Riscossione e tu non sei a casa, e al tuo posto consegna la raccomandata a un’altra persona di famiglia, non deve poi comunicartelo con una seconda raccomandata (appunto detta «Can» o «Comunicazione di avvenuta notifica»), cosa che, invece, avviene in tutti gli altri casi. In altre parole – piaccia o no – se qualche familiare convivente prende, dalle mani del postino, una cartella di pagamento indirizzata te quando tu sei assente, e poi non te lo dice o te lo dice con forte ritardo, tu non lo verrai altrimenti a sapere. ......

 

Incidente stradale senza cartello di stop, di chi è la colpa?

Pubblicato il: 22-01-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Concorso di colpa se non c’è la prova di una netta responsabilità tra i due automobilisti; il Comune non è responsabile per non aver apposto la segnaletica con lo stop se il pericolo era evidente. Quando manca la segnaletica stradale, le regole sulla responsabilità per l’incidente stradale sono quelle previste, in linea generale, dal codice della strada. Posto che, peraltro, secondo la Cassazione [1], il Comune o qualsiasi altra pubblica amministrazione non è tenuta ad apporre i cartelli laddove non vi siano situazioni di pericolo per gli automobilisti (insidie, cioè, non facilmente visibili), bisognerà far ricorso ai doveri generali che regolano la guida. Doveri come, ad esempio, l’obbligo di dare la precedenza a chi viene da destra, quello di rallentare in prossimità di un incrocio, di non invadere la corsia di sinistra in caso di strade a doppio senso di circolazione, di non porre condotte di guida pericolose come inversioni ad ......

 

Cos’è la raccomandata a me stesso e come si fa?

Pubblicato il: 22-01-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Per dare valore legale a un documento è spesso necessario conferirgli una data certa e, tra tutti i metodi, quello della spedizione a sé stessi è il più facile e il meno costoso. Ti sarà capitato di sentire parlare della raccomandata a sé stessi come un sistema infallibile e a basso costo per conferire, alla data di un documento, un valore certo, attestato da un pubblico ufficiale. Ma perché si ricorre a questo sistema e, soprattutto, come si procede? Lo cercheremo di capire in questo articolo dedicato, appunto, alla raccomandata spedita a me stesso. Cos’è la raccomandata spedita a me stesso? La raccomandata spedita a sé stessi altro non è che una normale raccomandata con avviso di ricevimento («raccomandata a.r.») dove mittente e destinatario sono la stessa persona. Il soggetto che spedisce il plico indica, sulla busta, come destinatario, il proprio indirizzo di casa o altro indirizzo a lui riconducibile (l’ufficio, lo studio, ......